Le mani gonfie sono il sintomo di una condizione invalidante: sono i medici a lanciare l’allarme

Avere le mani gonfie: a volte si tratta di un sintomo passeggero. A volte, del segnale di una malattia molto più seria.

Le mani gonfie sono un problema comune che può avere diverse cause, alcune delle quali innocue, mentre altre richiedono attenzione medica. Questo articolo esplora le possibili ragioni dietro il gonfiore delle mani, i sintomi associati e i rimedi disponibili. Ci possono essere varie ragioni. Alcune tutto sommato di poco conto. Ma c’è una problematica più seria, che andrebbe investigata.

Mani gonfie, cause
Cosa si cela dietro il gonfiore delle mani? foto: Web 365 Srl – (lavocetorino.it)

Oltre al gonfiore visibile, le mani gonfie possono essere accompagnate da altri sintomi come: sensazione di pesantezza o tensione nelle mani; difficoltà a piegare o estendere le dita; dolore o sensibilità al tatto; arrossamento o prurito; formicolio o intorpidimento.

Le temperature elevate possono causare la dilatazione dei vasi sanguigni, portando a un accumulo di liquidi nelle mani e nei piedi. Durante l’attività fisica, il flusso sanguigno aumenta e può causare un temporaneo gonfiore delle mani. Reazioni allergiche a cibi, punture di insetti o sostanze chimiche possono provocare gonfiore delle mani.  Diverse forme di artrite, come l’artrite reumatoide o l’osteoartrite, possono causare infiammazione e gonfiore delle articolazioni delle mani. Alcuni farmaci, come i corticosteroidi, i farmaci per la pressione alta e i contraccettivi orali, possono avere come effetto collaterale il gonfiore delle mani.

Questi sono solo alcuni dei motivi che possono portare ad avere le mani gonfie. Ovviamente, il consiglio è quello di sempre: consultare un medico. Anche perché, tra le motivazioni di cui ancora non vi abbiamo parlato ve ne è un’altra, ancor più seria. 

Mani gonfie: da cosa può dipendere?

Esiste infatti un legame tra le mani gonfie e l’insufficienza renale, che è una condizione in cui i reni perdono gradualmente la capacità di filtrare i rifiuti e i liquidi in eccesso dal sangue. Questa perdita di funzione può portare a un accumulo di liquidi nel corpo, manifestandosi spesso come gonfiore nelle mani, nei piedi e nelle caviglie. Il gonfiore, noto come edema, si verifica quando i reni non riescono a mantenere un equilibrio adeguato dei liquidi e degli elettroliti nel corpo.

Mani gonfie, cause
Mani gonfie e insufficienza renale: la correlazione foto: Canva – (lavocetorino.it)

Le mani gonfie dovute all’insufficienza renale possono presentarsi con diversi sintomi. Le dita e le mani appaiono gonfie, rendendo difficile indossare anelli o eseguire movimenti fini. Le mani possono sembrare tese e piene, con una sensazione di pesantezza. Il gonfiore può limitare la capacità di piegare o estendere le dita. La pressione del liquido in eccesso sui nervi può causare formicolio o una sensazione di intorpidimento.

L’insufficienza renale può derivare da diverse cause. Il diabete non controllato è una delle principali cause di danno renale. La pressione alta può danneggiare i vasi sanguigni nei reni, compromettendone la funzione. Una condizione genetica caratterizzata dalla formazione di cisti nei reni che ne compromettono la funzione. Alcuni farmaci possono danneggiare i reni se usati a lungo termine.

La diagnosi di insufficienza renale inizia con un’analisi del sangue e delle urine per valutare la funzione renale. Test come la creatinina sierica, l’azoto ureico nel sangue (BUN) e l’analisi delle urine sono fondamentali per determinare la salute dei reni. In alcuni casi, possono essere necessarie immagini come l’ecografia renale o la risonanza magnetica.

Il trattamento dell’insufficienza renale dipende dalla causa sottostante e dalla gravità della condizione. Nei casi avanzati, la dialisi può essere necessaria per rimuovere i rifiuti e i liquidi in eccesso dal sangue. Nei casi più gravi, un trapianto di rene può essere l’opzione migliore per ripristinare la funzione renale. È essenziale consultare un medico se si riscontra un gonfiore persistente e inspiegabile delle mani, soprattutto se accompagnato da altri sintomi come affaticamento, difficoltà respiratorie, cambiamenti nella minzione o dolore al petto.

Impostazioni privacy