Fino a 120.000 euro per aprire un’attività e 50.000 euro non li dovrai restituire, sono gratis

Un aiuto da 120 mila euro per chi intende aprire un’attività. Beneficio che include un contributo a fondo perduto. 

Ci sono aiuti che arrivano dallo Stato per i cittadini che diventeranno autonomi. Il valore del Bonus è di 120 mila euro al massimo accompagnato da un extra che si potrà non restituire. Scopriamo di più.

Bonus per aprire un'attività fino a 120 mila euro
L’aiuto economico per i nuovi imprenditori – Foto Web365 – (Lavocetorino.it)

I cittadini che non riescono ad essere assunti come dipendenti o hanno appena perso il lavoro oppure hanno il sogno di diventare imprenditori possono finalmente ottenere un aiuto concreto dallo Stato. Con il DL Coesioni sono stati attivati due Bonus per l’auto-imprenditorialità, un’agevolazione per il Sud Italia e una seconda per le Regioni del Centro-Nord.

L’intento è far aumentare il numero dei lavoratori autonomi che, in fin dei conti, sono anche quelli che danno lavoro e assumono dipendenti. Iniziare da zero senza fondi è quasi impossibile per tanti giovani che non hanno il capitale da investire nella loro idea imprenditoriale. Ora l’aiuto c’è, contributi a fondo perduto dedicati proprio agli under 35. I due Bonus sono un’occasione per costruire il proprio futuro riducendo le spese iniziali.

Due Bonus per gli under 35 se diventano autonomi

Il primo Bonus è Autoimpiego Centro-Nord Italia, rivolto agli under 35 delle Regioni centrali e settentrionali mentre il secondo è un Resto a Sud rinnovato, dedicato ai neo imprenditori delle Regioni del Mezzogiorno per spronarli a rimanere nella terra d’origine. Per i dettagli delle agevolazioni occorrerà attendere il Decreto Attuativo che dovrebbe arrivare entro il 7 giugno 2024. 

Contributi per under 35, doppio aiuto
Doppio Bonus per i giovani imprenditori – Foto Canva – (Lavocetorino.it)

Al momento sappiamo che le due misure permettono l’avvio di un’attività di lavoro autonomo o professionale con iscrizione all’Albo o all’ordine professionale. L’attività potrà essere avviata individualmente oppure in modo collettivo da disoccupati, inoccupati, giovani under 35 che rientrano nel programma governativo Garanzia Occupabilità Lavoratori.

Gli incentivi erogati prevedono voucher ossia un buono non restituibile per l’acquisto di beni e strumenti (prodotti innovativi, digitali, sostenibili e rispettosi dei parametri del risparmio energetico e della sostenibilità ambientale) per un massimo di 30 mila o 40 mila euro con riferimento al Bonus Centro-Nord Italia e fino a 40 mila/50 mila euro per il Sud (Abruzzo, Calabria, Sicilia, Sardegna, Molise, Puglia, Basilicata, Campania).

In più dovrebbero essere erogati 120 mila euro per le spese di avvio e l’attuazione del progetto imprenditoriale con contributo a fondo perduto del 65% al Centro-Nord e del 75% al Sud. Gli incentivi, infine, includeranno anche servizi di formazione e di guida all’avvio dell’attività imprenditoriale nonché servizi di tutoraggio per sostenere attivamente i giovani nel loro progetto.

Impostazioni privacy