Bonus mamme lavoratrici, 250 euro subito ma solo se hai questi 2 requisiti

Per il bonus mamme lavoratrici l’attesa sembrerebbe essere finita. NoiPA, addirittura, ha annunciato 250 euro subito per tutte quelle mamme lavoratrici che, però, rispondono a due requisiti essenziali. Nel corso dell’articolo vedremo a chi spettano subito e come invece farne richiesta anche in seguito.

Si tratta di unamisura davvero straordinaria, un bonus, soldi in tasca per le mamme lavoratrici. Un incentivo annunciato già da qualche tempo che, però, solo oggi sembra essere sbloccato con le mamme che. finalmente, potranno intascare subito 250 euro in attesa, poi delle altre erogazioni. Stiamo parlando, per chi non lo sapesse, di quell’agevolazione prevista proprio per dare sostegno alle famiglie italiane.

Bonus mamme lavoratrici
Bonus mamme lavoratrici arriva la prima tranche

A poter usufruire del bonus, infatti, saranno tutte le lavoratrici impegnate sia nel settore privato che in quello pubblico. Mamme lavoratrici che abbiano un contratto a tempo indeterminato. La misura fu annunciata e recepita dall’INPS lo scorso gennaio. Con la circolare numero 27 del 31/01/2024, infatti, il bonus è stato recepito dall’INPS e reso operativo. La misura viene applicata direttamente in busta pagada parte dei datori di lavoro così come l’INPS ha spiegato fornendo agli stessi istruzioni adeguate.

Bonus mamme lavoratrici ecco cosa c’è da sapere

Oggi, finalmente, dopo qualche mese di attesa arriva la buona notizia per le lavoratrici e. dunque, per le loro rispettive famiglie. Già dal cedolino del mese di maggio, infatti, saranno riconosciuti i 250 euro previsti dalla misura. Si tratta di soldi in più che le donne mamme e lavoratrici si ritroveranno in busta paga. I soldi, naturalmente, sono una prima tranche relativa agli arretrati, così come fanno sapere dai Dipartimento dell’Amministrazione Generale del personale e dei servizi del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

mamma lavoratrice
Una mamma lavoratrice al PC mentre si prende cura del suo bambino – lavocetorino.it

La misura a sostegno non è altro che un taglio di contributi a carico della madri lavoratrici sia dipendenti pubbliche che di privati a èartire proprio dal mese di gennaio del 2024. Dopo tanta attesa e tanti rinvii, alcuni anche tra polemiche, dal mese di maggio in poi le mamme potranno far affidamento su questi soldi in busta paga. Una cifra non indifferente considerando che la prima tranche sarà proprio di 250 euro.

In un prossimo cedolino, poi, dovrebbe essere previsto tutto l’arretrato maturato proprio da gennaio ad aprile. La misura, ovviamente, riguarda madri che rispecchiano alcuni requisiti essenziali. Il primo su tutti, naturalmente, è quello di essere dipendenti a contratto indeterminato sia nel settore pubblico che in quello privato. Bisogna, poi, essere genitore di tre o più figli per poter beneficiare della misura del governo.

Impostazioni privacy