Bonus pedaggi autostradali: a chi spetta, a quanto ammonta e come richiederlo

Arriva il Bonus pedaggi autostradali, una misura che andrà ad alleggerire il carico di spesa di chi. per varie ragioni. si trova a spostarsi mediante autostrade. Ecco a chi spetta, a quanto ammonta il bonus e come fare per richiederlo.

Chi viaggia su autostrade, sfruttando queste arterie lungo tutto il paese si trova a dover fare i conti con il pedaggio autostradale. Più lunga è la tratta più si paga, più spessi si prende l’autostrada più la spesa diventa davvero onerosa. In un periodo nel quale per far fronte al caro vita, all’inflazione ed ai prezzi divenuti quasi insostenibili dall’energia ai trasporti, con ricadute su tutto il resto, tutto sembra risolversi tramite bonus, ecco che arriva anche il bonus pedaggi autostradali.

pedaggio autostrada
Arriva il bonus pedaggi autostradali – lavocetorino.it

Con questa misura il governo vuole garantire uno sconto sui costi sostenuti ai caselli autostradali. Si tratta di uno sconto compensato la cui riduzione variabile va dall’1% al 13%. La percentuale dello sconto varia in base al mezzo utilizzato. La misura, infatti, oltre che venire incontro alle tasche degli italiani, vuole anche essere un incentivo (come molti in questo periodo) per l’utilizzo di mezzi di trasporto a basse emissioni di anidride carbonica.

Bonus pedaggi autostradali 2024 ecco a chi è rivolto

Il Bonus pedaggi autostradali, infatti, viene riconosciuto a veicoli esclusivamente della categoria Euro 5, Euro 6 o superiori. Riguarda, insomma, tutti quei mezzi con alimentazione alternativa o elettrica. La misura è rivolta, ovviamente, agli autotrasportatori, a chi per lavoro è comunuque obbligato a percorrere le autostrade. L’importo del bonus, quindi, varia anche in base al proprio fatturato.

autostrada
Un’autostrada italiana – lavocetorino.it

Per poter accedere a questo incentivo, inoltre, bisognerà essere iscritti all’Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l’autotrasporto di cose per conto terzi. Il contributo è relativo all’anno 2023, per cui l’iscrizione all’Albo dovrà risultare valida per l’anno 2023. La domanda per ricevere il bonus è partita il 5 giugno di quest’anno e scadrà l’11 giugno. Si tratta di un primo step, gli scaglioni del contributo fiscale, come detto in precedenza dal 1% al 13%, verranno calcolati sulla base del fatturato globale annuo, della classe ecologica del veicolo e della relativa percentuale di riduzione.

La gestione della misura è affidata al Comitato centrale per l’Albo degli autotrasportatori. Le domande relative, quindi, dovranno essere presentate proprio presso questo ente mediante la piattaforma online messa a disposizione. La domanda viene, quindi, svolta in maniera telematica presso il Portale dell’Albo fino alle ore 14:00 di martedi 11 giugno. Ci sarà poi tra qualche settimana il secondo step nel quale inserire tutti i dati necessari ed inviare l’istanza mediante firma digitale.

Impostazioni privacy